Skip to content

ZSSRZADKOWO.INFO

Zss Rzadkowo Blog

DA RAI TECHE SCARICARE


    Richieste di programmi a diffusione regionale vanno inviate alle sedi locali della Rai. I soggetti interessati a proporre alla Rai partecipazioni e/o collaborazioni per​. Intervista tratta dalla trasmissione “Processo alla Tappa” del 30 maggio , a conclusione della decima tappa da Trento a Bassano del Grappa. Lo spunto dell'​. Come scaricare video da sito Rai. Gli strumenti per fare il download delle trasmissioni della tv di StatoCon l'avvento del digitale terrestre. Il sito della RAI su cui provare i metodi che sto per proporvi è raggiungibile dal link riportato in basso. Per gli altri canali, fai riferimento all'articolo per scaricare. L'applicazione RaiPlay per Android e iOS (tempo fa si chiamava Rai Replay, ma ora ha cambiato nome), permette di guardare film, serie televisive, fiction e.

    Nome: da rai teche
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: iOS. Android. Windows XP/7/10. MacOS.
    Licenza:Gratis!
    Dimensione del file:23.35 Megabytes

    DA RAI TECHE SCARICARE

    E nella settimana di anteprime lampo e di ascolti gloriosi gli spettatori hanno imparato anche un'altra cosa: che Fiorello e il suo Viva RaiPlay a partire da oggi, 13 novembre, diranno addio allo spazietto concesso dal primo canale per lanciarsi nell'avventura dello streaming, diventando un caso unico per mamma RAI perchè il varietà condotto dall'ex re del karaoke è a tutti gli effetti il primo programma originale di RaiPlay.

    Che cos'è RaiPlay RaiPlay è la piattaforma streaming video della RAI attraverso cui scoprire l'offerta dei 14 canali televisivi del servizio pubblico.

    È assolutamente gratuita ed è consultabile da computer, tablet, smartphone e smart tv che siano, naturalmente, connessi a internet perchè, a differenza di quanto succede con piattaforme come Netflix o Amazon Prime Video, i suoi contenuti non sono disponibili per il download e la visione offline era possibile scaricare alcuni programmi della vecchia sezione RePlay solo dall'app per Android e iOS fino all'aggiornamento dello scorso 30 ottobre, al momento la funzionalità non è stata ripristinata.

    Grazie alla nuova interfaccia molto più intuitiva ed essenziale che, per stessa ammissione di viale Mazzini, è stata modellata prendendo ad esempio le piattaforme concorrenti, Netflix in primis si viene subito accolti su una home page da cui è già possibile consultare tutto il catalogo. Non soltanto i contenuti in evidenza, come Viva RaiPlay, l'elenco di film, serie tv, documentari o programmi per bambini: scorrendo il menù a tendina in alto a sinistra accanto al logo della piattaforma è possibile essere indirizzati ai 14 canali TV, alla lista di contenuti on demand, nuovamente alla home page oppure all'elenco dei propri contenuti favoriti precedentemente selezionati.

    Il processo di registrazione è semplice e veloce: basta cliccare "Accedi" sulla home page, poi "Registrati" e "Crea un account Rai". Per i ragazzi tra i 14 e i 18 anni verrà anche richiesta l'email di uno dei genitori o di un tutore legale prima di poter procedere con il completamento dell'iscrizione.

    Una volta confermata la registrazione sarà possibile accedere a tutti i contenuti di RaiPlay attraverso computer, tablet, smartphone e smart tv. Naturalmente l'esperienza di visione cambia a seconda del dispositivo utilizzato.

    Purtroppo manca una funzionalità molto richiesta da molti spettatori e visitatori di Rai. TV: il download dei video sul computer.

    Infatti non è possibile scaricare i video, i quali sono solo visualizzabili solo online. Ecco i link per il download di questa app: Guida: Come scaricare video da Rai.

    La struttura ha anche edito un volume di oltre pagine, in grande formato, intitolato RicordeRai, un manuale per la documentazione televisiva e alcuni volumi in una apposita collana delle edizioni ERI, riguardanti il recupero del programma radiofonico L'Approdo, lo studio di fonologia della Rai di Milano e il programma radiofonico Chiamate Roma , i primi numeri del Radiorario e un testo analitico sui programmi televisivi a quiz.

    Le Teche hanno fornito gran parte del materiale per la mostra " la Rai racconta l'Italia" inaugurata il 31 gennaio al Vittoriano di Roma, curata da Costanza Esclapon, Alessandro Nicosia e Barbara Scaramucci.

    Nel marzo , a seguito di quanto previsto dal piano di pensionamento anticipato dei dirigenti Rai, Barbara Scaramucci lascia la direzione delle Teche, che passano in reggenza ad interim al DG Rai Luigi Gubitosi ; il 9 luglio il consiglio d'amministrazione aziendale nomina Maria Pia Ammirati nuovo direttore della struttura.

    D'intesa con il Ministero dei beni culturali , sono stati posizionati 4 terminali presso la Mediateca Braidense di Milano, ospitata presso la ex chiesa di Santa Teresa, e presso la Discoteca di Stato e la Biblioteca dell' Accademia di Santa Cecilia a Roma. Allo stesso modo, forse pochi sanno che l'elezione di Giovanni Gronchi a presidente della Repubblica fu la prima diretta Rai dal Parlamento.

    Filmati in bianco e nero, perple preziose di memoria e di cultura che la Rai ha gelosamente custodito negli anni e che oggi, meno gelosamente, vengono messe a disposizione degli utenti nel rispetto dello spirito del servizio pubblico.

    Con un clic. Sul sito internet delle Teche Rai , da oggi anzi, da ieri sera forte di una struttura rinnovata e soprattutto di una nuova offerta, quella di poter scaricare brani storici degli archivi della Rai.